Home > Roma medioevale e moderna > Fontane > Fontana di Piazza d’Ara Coeli

Fontana di Piazza d’Ara Coeli

Fontana di Piazza d’Ara Coeli

La fontana in piazza dell’Ara Coeli, realizzata nel 1589, dopo l’adduzione dell’Acqua Felice, è situata su una piazza non distante dal Campidoglio, lungo la più importante via di accesso al colle che, in quegli anni, stava subendo un profondo rinnovamento edilizio.

Autore: Giacomo della Porta
Datazione: 1589
Materiali: marmo, travertino
Alimentazione originaria: acquedotto Felice

Il progetto della fontana si deve all’architetto del Popolo Romano Giacomo della Porta (1533-1602) che creava un’ennesima, elegantissima variazione sul tema della fontana tardocinquecentesca. L’opera - cui hanno collaborato gli scultori e scalpellini Andrea Brasca, Pietro Gucci, Pace Naldini - appare come una delle creazioni più interessanti dell’architetto genovese.

La sua struttura è caratterizzata da un’elegante vasca marmorea dalla pianta a ovale, decorata sulla superficie esterna da quattro mascheroni; su questa si innalza il catino superiore sorretto da un balaustro posto su un plinto finemente scolpito. Due coppie di stemmi, del Popolo Romano, e dei Chigi, in memoria di un restauro dell’epoca di Alessandro VII (1655-1667), sono collocati sul balaustro. La sommità del catino è decorata da quattro putti sorreggenti delle anfore. In origine la base della fontana era costituita da alcuni gradini che fungevano da sostegno della vasca ovale.

Alcuni radicali interventi del XIX e XX secolo hanno modificato l’aspetto della fontana: intorno al 1860 venne, infatti, realizzato l’ampio bacino circolare alla base; successivamente, gli sventramenti dell’area ai piedi del Campidoglio hanno trasformato il tessuto urbano comportando la demolizione degli edifici di un lato intero della antica piazza. Attualmente quindi la fontana soffre di una posizione urbanistica sacrificata, nel punto di convergenza di due strade molto trafficate.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Piazza d'Aracoeli